Title

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Nei mesi successivi all’installazione, quali controlli devo fare per avere la certezza che l’acqua erogata sia sempre pura ?

Prima di installare qualsiasi tipo di purificatore in un ambiente domestico ogni azienda che opera nel settore esegue delle semplici misurazioni con degli appositi strumenti per determinare alcuni valori dell’acqua in uscita. Queste misurazioni riguardano il residuo fisso che si esegue con il TDS, la conducibilità elettrica con il conducimetro e il PH che si esegue con il piaccametro. Le stesse operazioni possono essere eseguite in qualsiasi momento dopo l’installazione del dispositivo, danno all’istante il risultato e sono sufficienti per verificare la qualità dell’acqua; volendo fare approfondimenti che però non sono richiesti per legge si possono fare tramite laboratorio e previo pagamento le analisi biologica, organica, fisico chimica dell’acqua purificata. E’ bene sottolineare che le aziende non sono tenute a fare nessun tipo di analisi chimica prima e/o dopo l’istallazione di un proprio prodotto. Le aziende sono però obbligate per legge ad eseguire periodicamente la manutenzione sul purificatore e a sostituire quindi le parti usurate e sature di parti solide e contaminanti.

Leave a Reply